banner CCIAA diritto annuale 220x200

Seguici su Facebook

ROAD-NS

Home
Area Ambiente

RAEEAlcuni aggiornamenti in materia di apparecchiature elettriche ed elettroniche.
Il 15 agosto 2018 entra in vigore il “campo aperto” di applicazione del D.Lgs. 49/2014, come previsto dalla direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche.

Le modifiche, apportate all’ambito di applicazione riguardano il passaggio dalle attuali 10 categorie dell’Allegato 1 della nuova direttiva RAEE alle 6 nuove categorie dell’Allegato III, che includono due categorie “aperte” relative alle apparecchiature di grandi e piccole dimensioni.


Il Comitato di vigilanza e controllo ha disposto che, per i produttori e i sistemi collettivi iscritti, venga effettuata una transcodifica d’ufficio dei prodotti nelle nuove tipologie contenute nell’Allegato IV del d.lgs. n. 49/2014,  sulla base della tabella approvata dal Comitato nella riunione del 19 luglio 2018.

A partire da lunedì 30 luglio l’accesso al Registro Nazionale sarà quindi temporaneamente interrotto per consentire di operare la transcodifica.

Alla riapertura del portale, prevista per giovedì 2 agosto, i produttori potranno verificare se le tipologie attribuite in automatico sono effettivamente coerenti con le apparecchiature immesse sul mercato.

L'accesso all'area Registro AEE dal portale www.ecocamere.it rimarrà attiva sino a lunedì 30 alle ore 13 per consentire agli Uffici di evadere le pratiche in attesa.

La riclassificazione avverrà secondo questi criteri:

1) -  Nei casi in cui ad una tipologia “vecchia” corrisponde una tipologia “nuova”, la conversione sarà univoca: ad esempio da 1.17-apparecchiature per il condizionamento a 1.4-condizionatori, deumidificatori, pompe di calore

2) -  Nel caso in cui il rapporto sia 1:n (ovvero ad una tipologia “vecchia” possono corrispondere più tipologie “nuove”), ai produttori verranno associate tutte le possibili tipologie corrispondenti: ad esempio i distributori automatici (tipologia 10.1) saranno riclassificati nei codici 1.3 -apparecchi che distribuiscono automaticamente prodotti freddi ; 5.22-piccoli apparecchi che distribuiscono automaticamente prodotti 4.13-grandi apparecchi che distribuiscono automaticamente prodotti e denaro.

3) -  Infine si evidenzia che tre delle 6 nuove categorie fanno riferimento, ad “apparecchiature di grandi dimensioni (con almeno una dimensione esterna superiore a 50 cm)”, ad “apparecchiature di piccole dimensioni (con nessuna dimensione esterna superiore a 50 cm)” ed a “piccole apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni (con nessuna dimensione esterna superiore a 50 cm)”. Pertanto ad una vecchia apparecchiatura possono corrispondere, con la nuova classificazione, due nuove apparecchiature, distinte in relazione alle loro dimensioni: ad esempio la vecchia tipologia stampanti – 3.2.5 verrà riclassificata in 6.6 stampanti e 4.6 grandi stampanti.

Se il produttore immette sul mercato solo una di queste tipologie, dovrà cancellare le rimanenti con una pratica di variazione.

Quote di mercato

L'articolo 35 del D.lgs. 49/2014 prevede che il Comitato di vigilanza raccoglie, esclusivamente in formato elettronico, i dati relativi ai prodotti immessi sul mercato che i produttori sono tenuti a comunicare al Registro nazionale ai sensi dell'articolo 29, comma 6 e calcola, sulla base di tali dati, le rispettive quote di mercato dei produttori. 

Il Comitato di vigilanza e controllo ha approvato le quote 2017, calcolate dal Registro a partire dai dati comunicati nel 2018, nella seduta del 19 luglio 2018. 

A partire dall'8 agosto prossimo i produttori potranno consultare la propria quota di mercato dall'area riservata accessibile dal sito www.registroaee.it con la firma digitale del legale rappresentante o di un soggetto precedentemente delegato, dalla funzione

Tariffe

Gli oneri relativi alle attività di monitoraggio, gli oneri di funzionamento del Comitato di vigilanza e controllo, del Comitato di indirizzo sulla gestione dei RAEE e di tenuta del Registro nazionale di cui all'articolo 29 sono a carico dei produttori di AEE in base alle rispettive quote di mercato.
Il D.M. 17 giugno 2016 stabilisce le tariffe per la copertura degli oneri derivanti dalle attività di gestione e vigilanza del sistema RAEE, nonché le modalità di versamento delle stesse da parte dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE).

Le tariffe dovute per le richiamate attività si articolano in una quota fissa e una quota variabile determinata in base alle quote di mercato.

Il Comitato di vigilanza e controllo ha approvato le tariffe, da versare entro il 31 ottobre 2018, nella seduta del 19 luglio 2018.

A partire dall'8 agosto prossimo i produttori potranno consultare la tariffa dall'area riservata accessibile dal sito www.registroaee.it con la firma digitale del legale rappresentante o di un soggetto precedentemente delegato, nella sezione Quote e tariffe.

 

linea_amica