banner CCIAA diritto annuale 220x200

Seguici su Facebook

ROAD-NS

Home > Novità
Novità
Esame agenti di affari in mediazione: nuove date 14, 15 e 16 luglio 2020

Si informano tutti coloro che hanno presentato domanda di ammissione all'ESAME DI AGENTI DI AFFARI IN MEDIAZIONE, già in programma per il 20/04/2020, che l'esame si svolgerà a Sassari in Via Roma 74 NEI GIORNI E NELL'ORA INDICATA NEI CALENDARI CHE SEGUONO.
In ottemperanza alle misure precauzionali di contenimento dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 ed alla luce delle indicazioni contenute nei provvedimenti normativi di recente emanazione, i candidati sono stati suddivisi in TRE gruppi come da calendario sotto riportato e dovranno presentarsi puntuali all'orario stabilito, con il documento d'identità in corso di validità.
I candidati, prima di accedere ai locali dell'Ente saranno sottoposti alla misurazione della temperatura e dovranno presentarsi con la mascherina. I locali in cui si svolgerà l'esame saranno sanificati prima e dopo lo svolgimento delle prove.
Si raccomanda la massima puntualità.

 
Diritto Annuale 2020

La scadenza per il pagamento del Diritto Annuale 2020 è fissata al 30 GIUGNO 2020 (DPR 435/2001, Art.17, comma 1, così come modificato dalla Legge 225/2016 e nota MISE n. 83730/2017). Il Decreto Ministeriale del 12/03/2020 approva le maggiorazioni camerali per il triennio 2020/2022.

E’ possibile effettuare il versamento maggiorando l’importo dello 0,40% (con arrotondamento al centesimo di euro) a titolo di interesse corrispettivo, entro il 30 LUGLIO 2020.

Per gli importi del 2020 si veda la seguente Tabella, che per gli effetti della citata normativa, mantiene gli stessi importi del 2019.


PROROGA SOGGETTI ISA

Con il D.P.C.M. 27 giugno 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 29 giugno 2020, ha previsto la proroga dei versamenti per i soggetti interessati dagli indici di affidabilità fiscale (ISA).
La proroga indicata nel 20/07/2020, senza alcuna maggiorazione, riguarda tutti i versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, Irap e Iva, con scadenza 30/06/2020, dei contribuenti che svolgono attività interessate dagli indici di affidabilità fiscale (ISA), di cui all’art. 9 bis del Decreto Legge 24 aprile 2017 n. 50, convertito con la Legge 21 giugno 2017 n. 96, e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito per ciascun ISA dal relativo decreto di approvazione del Ministro dell'economia e delle finanze e coloro che partecipano a società, associazioni e imprese per le quali sono stati approvati gli indici sintetici di affidabilità. Rientrano nella proroga anche i soggetti che determinano il proprio reddito in modo forfettario.
E’ possibile effettuare il versamento con la maggiorazione dello 0,40% dal 21 luglio 2020 al 20 agosto 2020.
Per le imprese che non rientrano nelle casistiche individuate dalla norma rimane confermata la scadenza del 30 giugno 2020, con la possibilità di effettuare il versamento entro il 30 luglio 2020 con la maggiorazione dello 0,40%.

 
Sospensione dell'attività economica ai fini del contenimento della diffusione del virus Covid-19

Il D.P.C.M. 22/03/2020, emanato allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, prevede che non siano sospese le attività produttive, commerciali ed industriali indicate nell'allegato 1 ed individuate sulle base dei codici ATECO, fermo restando per le attività commerciali quanto già disposto dal D.P.C.M. 11/03/2020.

L'elenco delle attività non sospese è stato poi modificato, per lo più in senso ulteriormente restrittivo, dal successivo Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 25/03/2020.
La durata delle disposizioni emergenziali è fissata fino al 13/04/2020 in virtù della proroga disposta dal D.P.C.M. 01/04/2020.

 

Indicazioni operative per le imprese:

  • le imprese che sospendono l’attività obbligatoriamente, su disposizione dei citati Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, non devono presentare alcuna comunicazione al Registro delle Imprese o all’Albo delle Imprese Artigiane;

  • le imprese che sospendono l’attività volontariamente, per un periodo non superiore a trenta giorninon devono presentare alcuna comunicazione al Registro delle Imprese e all’Albo delle Imprese Artigiane;

  • le imprese che sospendono l’attività volontariamente, per un periodo superiore a trenta giorni, devono presentare la relativa istanza telematica alla Camera di Commercio, completa della comunicazione trasmessa al SUAP competente e del pagamento dei diritti di segreteria e dell’imposta di bollo, se dovuta.

 

ALTRE INFORMAZIONI UTILI PER LE IMPRESE

 
COMMERCIO ESTERO: impossibilità di rispettare i contratti di fornitura

IMMAGINE

Attestazione sussistenza cause di forza maggiore per emergenza COVID-19.

Il Ministero dello Sviluppo Economico con la nota  88612 del 25.03.2020 - al fine di tutelare le imprese alle quali oggi l'emergenza sanitaria non consente di rispettare i contratti di fornitura con clienti esteri,   ha assegnato alle Camere di Commercio il compito di attestare, sulla base di una dichiarazione presentata dall’impresa, la causa di forza maggiore per ritardi nelle consegne internazionali.

Le imprese le cui commesse internazionali hanno subito e/o stanno subendo dei ritardi - a causa delle restrizioni attivate dal Governo Italiano per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19  - possono dichiarare tale situazione e richiedere alla Camera di Commercio - nel cui Registro Imprese sono iscritte - il rilascio dell’attestazione dello stato di forza maggiore. 

 
Deposito bilanci 2020

BILANCI 2020

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 4

linea_amica